Per migliorare il nostro servizio, la tua esperienza di navigazione e la fruizione pubblicitaria questo sito web utilizza i cookie (proprietari e di terze parti). Se continui la navigazione accetti di utilizzarli. Per maggiori informazioni (ad esempio su come disabilitarli) leggi la nostra Cookies Policy. Cliccando sul bottone "ok" qui a fianco, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.
mar 24 ottobre 2017
LINEA DIRETTA | RISTORAZIONE

Locanda da Lorenzo di Cervia: a tavola tra amici

La carta del ristorante viene rinnovata in base alla stagione
e alla disponibilità di prodotti freschi del territorio
 
La Locanda da Lorenzo, a Cervia, funziona come un bed & breakfast, quindi camera e prima colazione, e in più offre agli ospiti la possibilità di cenare, a prezzi molto convenienti.
La prima colazione è un’esperienza unica, con una scelta di ottimi dolci fatti in casa (torte, biscotti, crostate di frutta), oltre alle tante tentazioni salate, dagli affettati, ai formaggi della zona, alle uova, e poi yogurt, cereali, composte di frutta fresca.
«Dopo una colazione così ricca - racconta Lorenzo Belletti, titolare - i clienti sono felici di andare a godersi il sole in spiaggia, in totale relax, per tornare alla nostra tavola per il servizio della cena, che nella bella stagione si può consumare anche all’aperto, all’ombra del suggestivo pergolato di uva fragola».
La cucina è gestita in team da Lorenzo, la sorella Ornella e la brigata di chef e aiuti, tutti giovani, e con grande entusiasmo. La carta viene sempre rinnovata in base alla stagione e alla disponibilità di prodotti freschi e possibilmente locali. Come le celebri cozze di Cervia o il cardo, verdura tipica di questo comprensorio.
Ci sono però dei piatti che non possono mai mancare, specie la domenica, come i passatelli romagnoli, i cappelletti e le tagliatelle fatte in casa al ragù.
Il pranzo, o la cena, alla Locanda da Lorenzo, si apre con crostini e bruschette arricchiti da verdure dell’orto, prosciutto di Parma, e l’immancabile squacquerone, una celebrità di questi parti.
La pasta fresca è naturalmente artigianale e spazia da tagliatelle, a strozzapreti, a gnocchi e cappelletti conditi in modi diversi in base alla stagione.
Qualche proposta? Garganelli al radicchio e bacon, cappelletti romagnoli ripieni di formaggio conditi con erbe e pancetta, i classici spaghetti alle vongole o alle cozze, questi ultimi in carta solo in estate, quando l’allevamento di Cervia ne produce in abbondanza.
Anche tra i secondi, troviamo piatti di terra e di mare, dalle carni alla griglia al filetto in padella con radicchio, fino a pesci al forno e al fritto misto di paranza, leggero e croccante.
Il dolce che non può mai mancare? «La crema al mascarpone - risponde Ornella - semplice ma molto gustosa, servita con scaglie di cioccolato, amaretti o frutta fresca di stagione».
Ornella ha rispolverato anche tante specialità della nonna, oggi molto gradite. Come il salame di cioccolato o la zuppa inglese con i savoiardi bagnati nell’Alchermes... Altra chicca, il budino di ricotta e mandorle, sempre dal ricettario di famiglia.

Locanda da Lorenzo
Lungomare Deledda, 8
Cervia (RA)
www.locandadalorenzo.it
tel 0544 971247
cell 335 5387887
info@locandadalorenzo.it
aperto a cena e alla domenica a pranzo



Le ricette
BISCOTTI ALLE NOCCIOLE

Ingredienti:
100 g di nocciole tostate e tritate, 100 g di zucchero, 40 g di albume (l’albume di un uovo grande)

In una terrina mescolare tutti gli ingredienti; porre in frigo a riposare per 30 minuti.
Accendere il forno a 180°.
Prelevare delle cucchiaiate di impasto e disporle su una placca rivestita di carta da forno.
Far cuocere per 9-10 minuti.


CAPPELLETTI ROMAGNOLI
ALLE ERBE AROMATICHE


Ingredienti:
cappelletti romagnoli ripieni di formaggio,100 g di bacon, 20 g di panna fresca, un cucchiaio di salvia fresca, un cucchiaio di timo, uno di basilico, uno di rosmarino


Tagliare la pancetta affumicata a striscioline e farla rosolare a fuoco vivo in padella assieme alle erbe aromatiche fresche tritate.
Aggiungere la panna fresca.
Far cuocere in acqua bollente salata i cappelletti; scolarli e trasferirli nella padella del sugo per farli saltare un minuto. Servire.



Responsabile: Maria Teresa Frisa - Linea Diretta
Tutti i diritti riservati.
È vietato prelevare e riprodurre immagini e testi.
È permesso riprendere brevi citazioni, a condizione che sia indicata la fonte.


Linea diretta

Altri articoli